Test di Roborock S7

5/5 - (1 vote)

Con la sua base di ricarica compatta, nella sua veste bianca, l’S7 è piuttosto discreto e si adatta abbastanza bene a un salotto. Un indicatore luminoso ad arco mostra il livello di carica della batteria, ma può essere spento. L’unità viene fornita con accessori minimi: nessun filtro o spazzola di ricambio, il che non sorprende visto il prezzo aggressivo con cui Roborock la lancia. Non c’è nemmeno un mocio lavabile di scorta ed è un peccato, sarebbe stato utile ruotarlo.

Test di Roborock S7

Installazione e collegamento rapidi

L’installazione è semplice: basta collegare la base e posizionare il robot su di essa. Per sfruttare tutte le sue funzioni, deve essere collegato alla rete WiFi. Il processo è abbastanza semplice e può essere eseguito in pochi clic, guidati dall’applicazione. A differenza di alcuni robot che dobbiamo avvicinare al nostro box Internet per effettuare la prima connessione durante i nostri test, con l’S7 tutto va liscio perché si connette immediatamente.

Acquista il Roborock S7

Per tutte le operazioni, l’S7 “parla”, sapendo che la lingua può essere scelta nell’applicazione e il livello sonoro può essere regolato in modo da essere impercettibile. Una voce femminile ci informa di ogni manipolazione: “vassoio della polvere rimosso”, “serbatoio dell’acqua installato”… Non è sgradevole e anzi è piuttosto pratico confermare le manipolazioni.

Test di Roborock S7

A differenza del Roborock S6 MaxV, che aveva anche la funzione mop, non è necessario installare un tappetino di protezione sotto il robot. Infatti, quando torna alla sua base, l’S7 solleva automaticamente il mop in modo che non poggi sul pavimento quando è bagnato. È una mossa intelligente da parte di Roborock e funziona a meraviglia.

Non lasciate il filo in giro

L’S7 non utilizza una telecamera, ma un sistema LiDAR che gli consente di mappare la casa e di navigare in modo metodico. In un solo passaggio, produce una mappa completa, che mostra chiaramente la superficie di ogni stanza, la posizione dei mobili e una predivisione delle stanze, che può essere modificata. La mappa consegnata e la delimitazione dei locali proposta sono rilevanti.

Questo permette all’S7 di orientarsi all’interno della casa. Non dimentica nessuna area e pulisce molto bene tutti gli spazi designati, anche quando gli viene affidata l’intera casa. Riesce ad affrontare molto bene gli ostacoli che incontra. Per esempio, ha trattato molto bene le gambe del nostro tavolo rotondo e delle quattro sedie, pulendo meticolosamente tutto intorno. Quando scavalca un ostacolo, come promesso da Roborock, solleva il modulo del mocio in modo da potersi togliere di mezzo senza problemi.

Test di Roborock S7

D’altra parte, ha la fastidiosa tendenza a impigliarsi nei cavi, più di altri. Li inghiotte e non li molla più. Lo stesso vale per i lacci delle scarpe: se li appende, trascina le scarpe per casa. Potete certamente vietargli l’accesso a determinate aree dell’applicazione personalizzando la cartografia per evitare piccoli incidenti, ma fate attenzione a smartphone e altri dispositivi carichi!

Un’altra nota: a seconda degli ostacoli che incontra, a volte può essere un po’ brusco (presumibilmente a seconda della loro altezza). Sebbene si avvicini alla credenza o alle gambe del tavolo con dolcezza, è noto che spinga senza pietà la ciotola dell’acqua dei nostri gatti. Anche in questo caso, la regolazione può essere effettuata nell’applicazione. Per ottimizzare l’uso di un robot, è ideale essere presenti quando si muove per la prima volta in casa per identificare eventuali aree problematiche.

Aspirazione efficiente e regolabile

La potenza di aspirazione può essere regolata nell’applicazione secondo 4 livelli (il primo dei quali è chiamato “silenzioso”). Nonostante la presenza di due gatti in casa, abbiamo utilizzato il livello di potenza normale per la maggior parte del tempo per pulire i nostri pavimenti duri (parquet e piastrelle), che è stato più che sufficiente per mantenere il pavimento immacolato. Soprattutto perché l’S7 scorre bene lungo le pareti e in modo ordinato attorno a mobili o ostacoli.

Test di Roborock S7

Notiamo che, anche a potenza normale, svolge il suo compito in modo discreto. Utilizzando la modalità silenziosa, può essere utilizzato anche di notte senza essere svegliato (ovviamente a seconda della configurazione della casa).

Per i proprietari di tappeti, l’S7 rileva quando si trova sopra il tappeto e attiva automaticamente la massima potenza di aspirazione per fornire risultati ottimali. Abbiamo avuto l’opportunità di testare questa funzione che è pratica ed efficace. Può essere disattivato nell’applicazione, nel qual caso la potenza rimarrà invariata sui tappeti.

Test di Roborock S7

L’architettura dell’S7 è abbastanza simile a quella dell’S6 MaxV, quindi ha lo stesso piccolo raccoglitore di rifiuti, che si riempie rapidamente, soprattutto se si aspirano i peli di animali domestici. Dovrete pensare a svuotarlo spesso, soprattutto perché purtroppo l’applicazione non invia una notifica quando è pieno. Si noti che Roborock ha saggiamente previsto un piccolo sportello sotto il collettore per aggiungere una base con svuotamento automatico, che sarà disponibile come opzione. Questo renderà il robot ancora più autonomo.

Test di Roborock S7

Il collettore ha anche un altro difetto: un’apertura (attraverso la quale si riempie) posta sul fondo. Se non si ha cura di capovolgerlo quando si va a svuotarlo, si semina ciò che si è appena raccolto.

E questo mocio, oscilla?

Il famoso spazzolone vibrante è la principale innovazione di questo S7 (VibraRise). Secondo le promesse di Roborock, il sistema pulisce i pavimenti fino a 3.000 volte al minuto per rimuovere anche le macchie più difficili. L’installazione è piuttosto semplice: basta far scorrere la piastra dedicata (su cui viene grattato il mop) sotto il robot e poi riempire il serbatoio dell’acqua. L’apertura è ancora piccola (come sulla S6 MaxV), ma la forma rettangolare del serbatoio ne facilita il riempimento (quello della S6 MaxV era parzialmente piatto).

Quando si attiva la funzione mop, si vede chiaramente che il mop si abbassa e mentre ci si avvicina si sente vibrare. Tuttavia, contrariamente a quanto si poteva temere, il livello di rumore non è molto più alto. Il risultato è buono come ci aspettavamo: l’S7 lascia il pavimento immacolato, anche dopo un’intera giornata in cucina, ad esempio. E apprezziamo sempre la rapidità di asciugatura dopo l’utilizzo del robot.

Test di Roborock S7 Test di Roborock S7 Test di Roborock S7

Roborock sembra aver pensato a tutto e ha chiaramente “coccolato” questa funzione di mop. L’applicazione offre numerose impostazioni. In primo luogo, la possibilità di gestire l’intensità di lavaggio in tre livelli o, naturalmente, di disattivare la funzione. Esiste anche un percorso di pulizia “profonda” del pavimento in cui i passaggi del robot si sovrappongono in modo da pulire il pavimento due volte in un solo passaggio. La gestione dei tappeti quando il robot è dotato del modulo mop è un vero vantaggio. Nell’applicazione, si può scegliere di far sì che l’S7 eviti semplicemente i tappeti camminandoci intorno o che vi salga sopra per aspirarli sollevando il modulo mop. I nostri test hanno dimostrato che questa funzione è molto efficace. L’S7 è quindi perfettamente autonomo in un ambiente domestico. Al termine del processo di pulizia, il mop si solleva quando torna alla base, per preservare le aree già pulite. Non c’è molto di cui lamentarsi con questa modalità di pulizia molto apprezzabile. Ricordate solo di tenere d’occhio il serbatoio dell’acqua, perché non viene segnalato quando è vuoto.

Un’applicazione completa per personalizzare la pulizia

L’applicazione offre molte possibilità di impostazione e personalizzazione. Come già detto, è possibile regolare la potenza di aspirazione, l’intensità di lavaggio del mop o il modo in cui il robot reagisce se incontra un tappeto.

Naturalmente, l’applicazione consente anche di programmare l’S7, in modo molto dettagliato: giorno, ora, aspirazione e/o pulizia, stanze che si desidera pulire. Più che un semplice calendario, è possibile impostare veri e propri programmi di pulizia in linea con il proprio stile di vita. È persino possibile stabilire l’ordine in cui il robot pulisce le stanze della casa.

Le mappe create dall’S7 possono essere completamente personalizzate: è possibile suddividere o unire le stanze, assegnare loro un nome, posizionare pareti virtuali, definire zone in cui non è possibile passare lo straccio e impedire al robot di accedere a determinate aree, come ad esempio i piatti dell’acqua dei nostri gatti e i cavi vicino al televisore. Le dimensioni di queste aree possono essere impostate in modo molto semplice e l’area (in m2) viene persino visualizzata mentre viene modificata.

Dalla schermata iniziale è possibile accedere alla mappa personalizzata e alle impostazioni principali per avviare una pulizia, senza dover entrare nei dettagli dei menu: aspirapolvere, pulizia, stanze o aree da pulire e avvio della pulizia. Nella parte superiore dello schermo è possibile visualizzare altre informazioni utili come la superficie, il livello della batteria e il tempo di pulizia. Quando si avvia un ciclo, è possibile seguire in tempo reale i progressi del robot all’interno della casa. Si noti che sono supportati i comandi vocali (Amazon Alexa, Google Assistant e scorciatoie Siri).

Manutenzione semplice, come promesso

La manutenzione è abbastanza standard: svuotamento regolare del collettore, spolverata dei sensori, pulizia del collettore e del filtro (lavabile con acqua), quindi della spazzola laterale… A proposito, i capelli tendono inevitabilmente ad aggrovigliarsi intorno a questa spazzola, il che è abbastanza normale. Poiché è avvitato, è necessario prendere un cacciavite di tanto in tanto.

Test di Roborock S7 Test di Roborock S7 Test di Roborock S7

Per quanto riguarda la spazzola centrale di nuova generazione, Roborock promette che è facile da mantenere, in quanto è dotata solo di strisce di gomma, senza alcun pelo. La promessa è stata mantenuta, cosa che abbiamo apprezzato particolarmente con i nostri animali domestici, i cui peli si incastrano nelle classiche spazzole; qui, vengono tutti aspirati. Per quanto riguarda i capelli, si aggrovigliano intorno ad esso ma vengono via molto facilmente, con un rapido colpo di forbice. La salvietta è lavabile in lavatrice.

Test di Roborock S7

Per quanto riguarda la parte superiore del robot e la sua base, dovrete spolverarli regolarmente perché il rivestimento bianco non perdona: la minima polvere è visibile.

L’applicazione fornisce un’idea delle condizioni dei componenti principali (filtro, spazzole, sensori) in modo da sapere quando è necessario pulirli.

Dove acquistare il Roborock S7?

Roborock S7 è uno dei robot aspirapolvere più completi sul mercato. Logicamente, il prezzo è più alto rispetto ai modelli precedenti: per acquistare il nuovo modello di aspirapolvere è necessario pagare 549 euro. Detto questo, è già possibile trovare l’S7 a prezzi leggermente inferiori presso alcuni rivenditori. AliExpress è uno di questi, e di solito offre un piccolo sconto sul prodotto. Si noti che AliExpress spedisce l’S7 dall’Europa (IVA inclusa).